Il Viaggio del Sorriso è:

“L’inizio dei viaggi a scopo benefico di Alessandro”;

Nel mese di ottobre dell’anno 2016, mi rivolsi ad un caro amico “dal cuore d’oro”, estimatore e collezionista di Vespe d’epoca, chiedendo suggerimenti, consigli e pareri per come avrei potuto coniugare la passione della Vespa con la solidarietà;

Dopo ore di chiacchiere, battute e sorrisi, mi suggerì di compiere un viaggio a bordo di una “lamiera piegata”, per portare testimonianza che in Italia, come nel mondo, parecchi bambini soffrono a causa di malattie, a volte irrisolvibili;

Da quel momento, iniziò la ricerca di un’associazione che operava nel campo pediatrico e non, nella provincia del varesotto.

Contattai l’associazione IL PONTE DEL SORRISO di Varese, che sposò subito il progetto.

Da quel giorno ebbero inizio tutti i viaggi a scopo benefico.

Pianificai, sempre insieme all’amico “dal cuore d’oro” l’obbiettivo del viaggio, denominandolo                  IL VIAGGIO DEL SORRISO.

Tutti i proventi, sono stati devoluti direttamente dal donatore, all’associazione.

IL VIAGGIO DEL SORRISO è stato solo il filo conduttore fra la passione della Vespa e la solidarietà.

. oltre 7000 km

. 7 nazioni in 14 giorni

. una Vespa classe 1959: Rudolph

Il nome Rudolph fu assegnato alla Vespa da un bimbo gravemente malato, che la identificò come una renna; (il manubrio erano le corna, ed il telaio era il corpo della renna nella sua immaginazione).

Ispirato dal bimbo e dal nome assegnato alla Vespa, nacque l’itinerario del viaggio.

Decisi di raccogliere le letterine dei bimbi della pediatria dell’ospedale Filippo del Ponte di Varese e di consegnarle al “vero” Babbo Natale a Rovaniemi in Finlandia sul Circolo Polare Artico.

Sostenuto da un’infinità di amici e parenti , partii il 7 di agosto 2017 in solitaria dall’ospedale di Varese con rotta verso la Lapponia.